Una casa visitata dai ladri


Autori: Anna Carta,
A cura di:
Traduzioni di:
Illustrazioni di:

Collana: Occasioni Critiche
Genere:
Data di pubblicazione: 2009
Disponibilità: Commercio
Numero di pagine: 260
ISBN: 978-88-7796-531-8

Acquista Libro - € 20
Abstract 

Uno studio attento al piano delle configurazioni spaziali nell’opera dello scrittore siciliano Vitaliano Brancati è in grado di dimostrare come alla parabola intellettuale che portò alla definitiva “conquista di Catania” come luogo privilegiato della narrazione corrispose una precisa presa di posizione ideologica da parte dello scrittore nei confronti del suo tempo. In romanzi come Gli anni perduti e Don Giovanni in Sicilia, la città di Catania – catalizzatore e amplificatore di grandi tensioni novecentesche quali la crisi della categoria temporale, fine del potenziale conoscitivo del viaggio, crisi della ragione, decadenza dello spirito nella civiltà occidentale – è una città-casa,  un luogo heimlich, intimo e familiare, in cui la noia e la malinconia dei personaggi sono il risvolto doloroso della loro intelligenza. Ma quando si passa dal Don Giovanni in Sicilia (1941) a Il bell’Antonio (1949), ci si accorge che qualcosa è cambiato all’interno di questa  tramatura spaziale. Veniamo messi di fronte ad un approfondimento della crisi intellettuale ed esistenziale dello scrittore, in direzione della irredimibile negatività che costituirà la cifra di Paolo il caldo.  

Dello stesso genere 
torna indietro