Dell'accidia e d'altre eresie


Autori: Antonio Di Grado,
A cura di:
Traduzioni di:
Illustrazioni di:

Collana: Tascabili Bonanno
Genere:
Data di pubblicazione: 2009
Disponibilità: Commercio
Numero di pagine: 88
ISBN: 978-88-7796-563-9

Acquista Libro - € 10
Abstract 

«Or va tu su, che se’ valente!»: ai piedi del Purgatorio, il pigro Belacqua sembra irridere le certezze di Dante, la sua millantata investitura, la sua fidente ascesa. Torpida indolenza, quella dell’accidioso liutaio fiorentino, oppure laica diffidenza' Malinconica rassegnazione o buon senso plebeo, beffardo e irriverente' Tutto questo e altro: e infatti, a indossare le maschere d’un peccato capitale – l’accidia – così mutevole e ambivalente, alle spalle dei due amici-antagonisti appare una schiera di figure che – dal deserto dei romìti alla Dublino di Beckett – di quel vizio sperimentano i tormenti e le risorse. E si stagliano al confine tra disimpegno e dissenso, tra divertita eccentricità e coraggiosa eresia: come un altro artigiano fiorentino, il cinquecentesco Giusto bottaio di Giovan Battista Gelli. Oppure scavalcano quella labile frontiera e si avventurano in partibus infidelium: è il caso, nel secolo scorso, dell’effimera e ignorata avventura del “romanzo protestante” italiano, o peggio della cieca fedeltà a un sogno funesto di chi scelse di scrivere “a destra”.

Dello stesso genere 
torna indietro