Del patrimonio culturale


Autori: Francesco Alessandro La Rocca,
A cura di:
Traduzioni di:
Illustrazioni di:

Collana: Scaffale del Nuovo Millennio
Genere:
Data di pubblicazione: 2009
Disponibilità: Commercio
Numero di pagine: 284
ISBN: 978-88-7796-559-2

Acquista Libro - € 25
Abstract 

<p class='MsoNormal' style='TEXT-JUSTIFY: inter-ideograph; MARGIN: 0cm 0cm 0pt; TEXT-ALIGN: justify'><font size='3'><font face='Times New Roman'>Camminiamo sulle spalle dei giganti. Se il patrimonio culturale è il lascito delle fortunate innovazioni che il tempo ci ha donato, farne tesoro e tramandarlo è il nostro imperativo culturale. </font></font><font size='3'><font face='Times New Roman'>La memoria dei padri da consegnare ai figli. Se la precisa  etimologia del termine “patrimonio”(<em style='mso-bidi-font-style: normal'>pater</em> e <em style='mso-bidi-font-style: normal'>monere</em>) ci aiuta d’istinto a  percepirne l’essenza<span style='COLOR: red'>,</span> la sua estensione ed evoluzione a seconda del contesto storico e specialistico si legano<span style='COLOR: red'> </span>alla variabilità e pluralità della cultura<span style='COLOR: red'>,</span> tessendo inesorabilmente la trama della nostra memoria, delle nostre società ed identità. </font></font><font size='3'><font face='Times New Roman'>Per assicurarne la “continuità”, garantirne il lascito, occorre far rivivere gli oggetti, i beni, nel territorio, “reinserendoli socialmente” attraverso nuove vesti e antichi riferimenti. I sistemi culturali locali  non possono non fondarsi su strategie di sviluppo imperniate sulla dimensione culturale partecipata Un coinvolgimento che rafforza il vincolo di appartenenza alla comunità locale e consente la “riemersione” di un patrimonio fatto non soltanto di luoghi, ma  di persone, saperi e competenze che legano e “animano” il territorio. Per questo il patrimonio non è soltanto quello storico e fisico consolidato<span style='COLOR: red'>,</span> ma attraversa le frontiere ed entra nel mondo immateriale e spirituale passando dal monumento all’area edilizia, metropolitana<span style='COLOR: red'>,</span> per calarsi nel territorio, nel paesaggio culturale. Far affiorare un paesaggio interdisciplinare e complesso è la ragione di questo lavoro </font></font><font size='3'><font face='Times New Roman'>che nasce dal confronto e dalle sinergie innescate dal lavoro sul campo e che, preservandone l’<em style='mso-bidi-font-style: normal'>élan vital</em>, vuole far proseguire un cammino verso<span style='mso-spacerun: yes'>  </span>una migliore definizione, un più fitto<span style='COLOR: blue'> </span>tratteggio del nostro <em style='mso-bidi-font-style: normal'>heritage</em>, delle nostre radici. Lo specchio della nostra umanità.<o:p></o:p></font></font></p>

Dello stesso genere 
torna indietro