Stranieri come immigrati


Autori: Grzegorz Kaczynski,
A cura di:
Traduzioni di:
Illustrazioni di:

Collana: Cultura e Formazione
Genere:
Data di pubblicazione: 2007
Disponibilità: Commercio
Numero di pagine: 224
ISBN: 978-88-7796-340-6

Acquista Libro - € 20
Abstract 

Lo straniero è colui che viene considerato diverso per la sua identità e appartenenza collettiva. È colui che non è percepito come uno dei nostri, è un altro, non necessariamente nemico. Ma non tutti gli stranieri che migrano sono immigrati. Turisti, pellegrini, diplomatici sono stranieri anche loro, ma non vengono percepiti come immigrati perché svolgono i ruoli destinati per definizione proprio agli stranieri. Immigrato, infatti, è quello straniero che per necessità, bisogno o, raramente, per scelta è diventato tale, con la speranza di libertà, di impiego, di guadagno o di conforto famigliare. Diventando immigrato, egli, di conseguenza, entra in una situazione di transizione, di passaggio, perché non esiste un ruolo d’immigrato nella struttura sociale. La sua è una condizione esistenziale la quale, per definizione, è insostenibile, ed è per questo nessuno può e, quindi, vuole rimanere immigrato per sempre. Chi rimane, primo o poi, deve porsi un dilemma: essere cittadino diventando come tutti gli altri o conservando la propria diversità culturale; ovvero scegliere la via dell’assimilazione o la via dell’integrazione, intesa come convivenza. L’attuazione della scelta talvolta si trasforma, però, in un dramma, quello della emarginazione le cui forme più visibili socialmente sono la ghettizzazione e la liminalità. Una riflessione approfondita sulla dinamica di tale processo è il tema che unisce i contributi raccolti in questo volume.

 


Contributi di: A. Casciaro, S. Cormaci, L. Daher, D. Damigella, G. Di Marco, S. Di Nuovo, Padre V. Di Tarpani, A. Gamuzza, S. Granata, S. Gulino, G. J. Kaczy?ski, A. M. Leonora, O. Licciardello, D. Melfa, M. Mineo, D. Provitina, G. Scuderi.

Dello stesso genere 
torna indietro