La letteratura nel Terzo Reich


Autori: Marino Freschi,
A cura di:
Traduzioni di:
Illustrazioni di:

Collana:
Genere:
Data di pubblicazione: 2015
Disponibilità: Commercio
Numero di pagine: 208
ISBN: 978-88-6318-148-7

Acquista Libro - € 18
Abstract 

La letteratura del Primo Novecento è legata ai nomi di Mann, Brecht, Broch, Döblin, Hesse, Roth, Stefan Zweig e tanti altri, che scelsero, all’ascesa di Hitler al potere, l’esilio. Eppure in Germania si continuò a scrivere e a pubblicare. Accanto al manipolo di autori nazisti, irrilevanti letterariamente, i principali scrittori, che restarono, parteciparono a quella esperienza, che si è convenuto chiamare “Emigrazione Interna”. Il carattere distintivo di tale letteratura può essere identificato nella “impoliticità” dei testi, una impoliticità che può essere ricollegata alla tradizione luterana della distanza dalla sfera del potere. Ciò imponeva comportamenti ambigui e ambivalenti, in una difficile partita a scacchi col regime: il loro silenzio poteva essere anche assordante di fronte ai crimini che venivano perpetrati e che erano sempre più conosciuti e riconosciuti. Resta il fatto che, in quell’epoca drammatica, tanti scrittori si ritirarono dalla scena, talvolta interrompendo di scrivere (o scegliendo il suicidio come Jochen Klepper) o cercando nello scrivere un mondo altro, lontano dal “buio” dell’ora. I temi, scelti da questi autori, sono tornati ora al centro del dibattito attuale a proposito delle radici culturali profonde del populismo, dell’identità nazionale, del rapporto con l’altro, sicché la “Emigrazione interna” si rivela essere uno snodo decisivo della letteratura del nostro tempo.

Dello stesso genere 
torna indietro