Edoardo Weiss e "La Giustizia penale"


Autori:
A cura di:
Traduzioni di:
Illustrazioni di:

Collana: Storie del Diritto
Genere:
Data di pubblicazione: 2015
Disponibilità: Commercio
Numero di pagine: 206
ISBN: 978-88-6318-105-3

Acquista Libro - € 18
Abstract 

Da Vienna a Zurigo, da Trieste a Roma, questo libro prende ad oggetto le zone di contagio tra il discorso giuridico della penalità e quello terapeutico dell’analisi.Il nostro racconto si avvia con la magistrale lezione di Freud agli studenti viennesi di diritto (1906): sullo sfondo il sodalizio con il giovane Jung e il suo originale contributo alla «psicologia criminale».In Italia la perdurante ipoteca lombrosiana — declinata con la medicina costituzionale, la biotipologia e l’antropologia criminale — dava fiato,in quel torno d’anni, a una diffusa avversioneper l’inconscio freudiano. Toccherà a Edoardo Weiss, l’«autentico e tenace pioniere» del movimento psicoanalitico italiano, impegnarsi nelle riviste e nei congressi per mettere al riparo la giovanissima scienza dalle malevoli allusioni e da toni di inaudita durezza che venivano anche da filosofi e letterati di formazione idealistica. Ma c’è di più: a Roma, dal 1932, egli seppe costruire una fitta rete di relazioni con i giuristi (e i criminologi) della prestigiosa rivista La Giustizia penale.

Dello stesso genere 
torna indietro