Giuseppe Parini


Autori: Giuseppe Savoca,
A cura di:
Traduzioni di:
Illustrazioni di:

Collana: Scrittori d'Italia
Genere:
Data di pubblicazione: 2015
Disponibilità: Commercio
Numero di pagine: 220
ISBN: 978-88-6318-094-7

Acquista Libro - € 20
Abstract 

Questa monografia presenta nella prima parte un profilo organico del Parini, scandito in rigoroso ordine cronologico, e con una articolazione espositiva che affronta la descrizione dei contenuti e l'analisi storico-critica di tutta la sua produzione, dalle prime poesie di Ripano Eupilino fino alle postume due ultime parti del Giorno, senza trascurare le prose polemiche e teoriche, insieme a quelle creative e alle lezioni. La seconda parte è organizzata come una guida alla lettura di un'ampia scelta antologica delle Odi e del poemetto interrotto, e si chiude con un'interpretazione tematica e filologica della favola del Piacere che ne mette in luce le contraddizioni e una profonda dimensione lucreziana. Il ritratto critico che esce da questo studio non privilegia né la fase civile e illuministica che va fino al Mezzogiorno, considerata da molti come la più caratterizzante della carriera pariniana, né l’ultima neoclassica, sopravvalutata da altri. Parini in fondo è un poeta che, nel suo ideale umanistico di un equilibrio costante tra natura e arte, piacere e virtù, permane uguale a se stesso, offrendo l'esempio di una vita al servizio della poesia, per niente eroica, ma certo attenta ai più profondi valori umani. Portatore di un nativo umanesimo moralistico e classicistico, egli attraversò e interpretò il Settecento (dall'Arcadia al sensismo, dal figurativismo neoclassico al protoromanticismo), arrivando a intuire e rappresentare 'realisticamente' la fine di un mondo. In questo senso gli incompiuti Vespro e Notte, anche per il loro stato di frammento (che allude a una storia interrotta e disgregata), testimoniano la chiara coscienza dell’oscuramento e della notte definitiva di una classe una volta egemone.

Dello stesso genere 
torna indietro