Eduardo De Filippo


Autori: Guido Nicastro,
A cura di:
Traduzioni di:
Illustrazioni di:

Collana: Scrittori d'Italia
Genere: Saggistica
Data di pubblicazione: 04/08/2014
Disponibilità: Commercio
Numero di pagine: 152
ISBN: 978-88-6318-017-6

Acquista Libro - € 14
Abstract 

Eduardo De Filippo (Napoli 1900-Roma 1984) è stato, insieme a Pirandello, il maggiore autore del teatro italiano del Novecento. A lui si deve un’ampia produzione drammaturgica che si estende per circa un cinquantennio, dagli anni Venti agli anni Settanta, e riflette problemi e sentimenti, gioie e paure del popolo italiano in una fase tormentata della sua storia. Se agli inizi prevale un teatro farsesco come quello praticato da papà Scarpetta, ben presto si afferma un teatro “umoristico” in cui il comico serve a prendere coscienza degli errori e delle brutture della realtà. Si passa quindi dai toni fiduciosi e ottimistici di chi crede che la << nottata>> in cui è precipitata l’Italia con la guerra possa trascorrere e cedere il posto a giorni più sereni, a quelli disincantati di chi ha vissuto tante esperienze e ha capito a distanza di anni dalla tragedia che il buio è ancora molto fitto. È una riflessione amara di bruciante attualità quella che Eduardo consegna alle sue commedie. Ma egli oltre che scrittore è stato un grande attore e anche regista, impresario e organizzatore di teatri e di spettacoli. Un personaggio poliedrico e geniale, dunque, di cui oggi più che mai si sente un disperato bisogno.

Dello stesso genere 
torna indietro