Un paradigma intellettuale


Autori: Marzia Finocchiaro,
A cura di:
Traduzioni di:
Illustrazioni di:

Collana: Tascabili Bonanno
Genere: Saggistica
Data di pubblicazione: 17/12/2013
Disponibilità: Commercio
Numero di pagine: 112
ISBN: 978-88-96950-60-9

Acquista Libro - € 12
Abstract 

C’è un inchiostro, quello di Domenico Tempio, che ha saputo esprimere, a cavallo tra il XVIII e il XIX secolo, i caratteri e i temi peculiari della scrittura siciliana: l’ironia e il dolore, la bellezza e il potere, l’ignoranza e la follia, il piacere e la violenza, la donna e la terra, il compromesso e il grido, la sconfitta e il riscatto, l’immobilità e il genio, la luce e il buio. Questo saggio storico-critico vuole invitare a leggere Domenico Tempio come paradigma della letteratura isolana del XIX e del XX secolo: da Verga a Pirandello, da Tomasi di Lampedusa a Fava. Lo fa ricostruendo parallelamente il momento storico, il contesto sociale, la vita e i luoghi del poeta, e mettendo la sua opera a confronto – tematico e testuale – con quella di altri autori ed intellettuali distanti nel tempo. Autori italiani e stranieri – da Dante a Sciascia, da Chaucer a Zola – il cui accostamento svela con maggiore chiarezza il valore di un Domenico Tempio troppo spesso identificato solo con la sua poesia erotica. Poesia che a sua volta acquista un significato ben più ampio se considerata parte di un corpus vario e articolato che nel poema La Carestia trova la sua massima espressione lirica nonché la sintesi perfetta del continuo intrecciarsi della vita dell’autore con la realtà del suo tempo.

Dello stesso genere 
torna indietro