Razzismo e antirazzismo


Autori: Rita Cavallaro,
A cura di:
Traduzioni di:
Illustrazioni di:

Collana: Le cose e le immagini
Genere: Saggistica
Data di pubblicazione: 13/12/2012
Disponibilità: Commercio
Numero di pagine: 128
ISBN: 978-88-7796-966-8

Acquista Libro - € 12
Abstract 

Alla luce di una bibliografia che attinge a fonti scientifiche diverse, L’Autrice affronta i due principali motivi che sorreggono l’impasse in cui oggi versa la lotta al razzismo. Il primo rinvia ad una circostanza che sfiora l’assurdo e che, purtroppo, è particolarmente viva nel contesto culturale italiano. Un assieme di scienze – biologia, genetica, chimica, antropologia, paleoantropologia, paleogenetica, etc. – ha definitivamente mostrato la falsità del razzismo e l’incongruenza delle sue pretese di fondo. Ma sembra severamente vietato parlare di questo: la scienza è la grande nemica dell’umanità, ed è impossibile che da essa possa discendere un qualche aiuto per la soluzione di certi gravi problemi sociali. E quindi rimane salda la convinzione che il razzismo possa e debba essere combattuto, non con una corretta informazione, ma solo con i buoni sentimenti e l’impegno. I limiti di tale impostazione sono evidenziati da quanto continuamente accade nelle nostre società. Il secondo motivo rinvia ai legami intercorrenti tra razzismo e antirazzismo. Non si tratta di due entità animate da principi diversi e contrapposti; per cui non si può considerare semplicemente il razzismo come il ‘male’ e l’antirazzismo come ripristino del ‘bene’, ovvero del riconoscimento di quella umanità di cui è portatore inalienabile ogni individuo. Non esiste un antirazzismo tout court: l’antirazzismo è sempre una risposta ad una qualche forma di razzismo e di questo, pertanto, non può non portarne tracce più o meno rilevanti. Da qui la domanda che percorre le pagine del libro: che tipo di antirazzismo abbiamo posto in essere, in quanto risposta al più orrendo razzismo del nostro tempo, quello nazista?

Dello stesso genere 
torna indietro