Lo scettico virtuoso


Autori: Corrado Giarratana,
A cura di:
Traduzioni di:
Illustrazioni di:

Collana: Cultura e Formazione
Genere: Saggistica
Data di pubblicazione: 19/03/2012
Disponibilità: Commercio
Numero di pagine: 216
ISBN: 978-88-7796-923-1

Acquista Libro - € 20
Abstract 

A tre secoli esatti dalla nascita, David Hume rappresenta, con la propria elaborazione filosofica, un punto fermo e uno snodo fondamentale nella storia del pensiero occidentale. L’assorbimento delle teorie humeane da parte della cultura moderna non è stato però omogeneo per quel che riguarda la critica alla religione. Dalla sua analisi risulta evidente che essa rientrava a pieno titolo nel progetto di definizione e promozione di una nuova idea di uomo, ruotante attorno a una visione laica e mondana della natura umana. Eppure, se già a partire dal XVIII secolo non furono pochi coloro i quali, sia in Scozia che nel resto d’Europa, attaccarono le opere di Hume tacciandole di miscredenza e di minare i principi della religione rivelata, con il passare del tempo, soprattutto nel corso del secondo ’900 e dei primissimi anni del nuovo millennio, il dibattito storiografico ha portato a letture e interpretazioni rinnovate. In mezzo a queste differenti letture, Giarratana riesce a riportare l’antropologia humeana alla sua coerenza teorica e verifica le condizioni di praticabilità di tale messaggio all’interno dell’odierno dibattito sulle problematiche sociali, politiche e culturali a vario titolo riconducibili al problema centrale del ruolo della religione nelle società umane.

Dello stesso genere 
torna indietro