La Gorgona


Autori: Katerina Papatheu,
A cura di:
Traduzioni di:
Illustrazioni di:

Collana: La Gorgona
Genere: Saggistica
Data di pubblicazione: 15/02/2012
Disponibilità: Commercio
Numero di pagine: 88
ISBN: 978-88-7796-877-7

Acquista Libro - € 10
Abstract 

Andreas Karkavitsas è uno degli scrittori che ce ne narra la favola popolare nel 1899 in un racconto che si chiamava appunto “La Gorgona”. È una delle tante infelici creature femminili della mitologia, e il senso della loro identità continuamente trasmigra e si fonde con altre identità: sirene con la coda di delfino, sirene-uccelli, sirene bicaudate, donne foche, donne pipistrello... La coda era spuntata anche alla Maruzza Musumeci nella terra di Vigata: ella s’era ammogliata con tale Gnazio, siculo Ulisside. L’ambizione, la lussuria, l’astuzia dell’uomo è fatale per ognuna di queste fanciulle, abbiano esse ali, code o umani arti con cui invano potere fuggire via. E se cercano scampo, orrida è la loro metamorfosi: diventavano pietra, fiume, pianta, nuvola, bestia. Perseguitate o abusate da uomini e dèi lussuriosi o finanche da altre donne gelose della loro bellezza o perizia, sono per l’eternità costrette a subire efferate mutazioni che le strappano brutalmente dal mondo umano per consegnarle in modo irreversibile a un regno altro, vegetale, minerale o animale che sia, cui quelle creature non partecipano mai completamente. Sono l’empia metamorfosi del desiderio inappagato. Sono sempre a metà. Per sempre né l’uno né l’altro.... Donne abbandonate alla rincorsa di una risposta. Per l’eternità.

Dello stesso genere 
torna indietro