Geopolitica della stato e processi rivoluzionari


Autori: Giuseppe Anzera,
A cura di:
Traduzioni di:
Illustrazioni di:

Collana: Tracciati Sociologici
Genere: Saggistica
Data di pubblicazione: 20/09/2011
Disponibilità: Commercio
Numero di pagine: 144
ISBN: 978-88-7796-855-5

Acquista Libro - € 12
Abstract 

È possibile prevedere le rivoluzioni? Quali sono le condizioni che rendono maggiormente probabile lo scoppio di una rivoluzione? Quali elementi della geopolitica aiutano a spiegare tali eventi? I recenti avvenimenti in Nordafrica e in Medio Oriente hanno riacceso l’interesse di studiosi e analisti per il rapporto tra condizioni sociopolitiche da un lato e collasso delle istituzioni governative dall’altro. A partire dalla metà degli anni Settanta alcuni autori iniziarono a sviluppare una tipologia di analisi delle dinamiche statuali impiegando congiuntamente strumenti sociologici e principi della geopolitica, sviluppando un approccio basato sulla continua influenza reciproca tra le dinamiche interne degli stati e il mutamento del contesto internazionale. Tre autori in particolare, Randall Collins, Theda Skocpol e Jack Goldstone sono riusciti a sviluppare dei modelli interpretativi particolarmente efficaci nell’ interpretare i processi del contesto internazionale posteriore alla Guerra Fredda. I loro impianti di analisi, oggetto primario del presente lavoro, hanno mostrato la loro validità previsionale rispetto ad una vasta gamma di eventi, dal crollo dell'Unione Sovietica ai conflitti etnonazionalistici, per arrivare alle recenti mobilitazioni antisultanistiche nel mondo arabo.

Dello stesso genere 
torna indietro