Sub specie lusus


Autori: Agnese Amaduri,
A cura di:
Traduzioni di:
Illustrazioni di:

Collana: Occasioni Critiche
Genere: Saggistica
Data di pubblicazione: 02/02/2011
Disponibilità: Commercio
Numero di pagine: 208
ISBN: 978-88-7796-743-5

Acquista Libro - € 18
Abstract 

Celato dal manto del lusus, del paradossale Elogio di erasmiana memoria, della satira o del componimento comico-burlesco, il fiume carsico dell’eresia, dell’eterodossia religiosa o intellettuale, attraversa la letteratura italiana, proteiforme e dissacrante. Evolvendosi e amplificando il proprio valore semantico nel corso dei secoli, l’eresia può indossare, nelle Cene di Anton Francesco Grazzini, detto il Lasca, la maschera del “meraviglioso”, della costruzione di un ideale microcosmo narrativo svincolato dall’asfissia della realtà, liberato dalla rappresentazione oggettivata della Firenze contemporanea, culla di eresia ma soggetta al giogo della politica culturale di Cosimo I; o può esplodere nell'invettiva furibonda, nel funambolismo linguistico, del palermitano Giovan Guglielmo Bonincontro, condannato dall’Inquisizione spagnola nel Cinquecento, la cui opera giaceva, sino ad ora, in gran parte inedita nelle biblioteche siciliane; fino a giungere al Leonardo Sciascia di Morte dell’inquisitore, La strega e il capitano o Don Mariano Crescimanno, in cui l’antagonismo tra persecutori e perseguitati, inquisitori ed eretici, sembra stemperarsi e dar vita ad una lettura innovativa dell’eresia: “scelta radicale” e azzardo di un intimo specchiarsi degli estremismi della ragione nel più cieco fanatismo religioso.

Dello stesso genere 
torna indietro