I sensi di un teatro


Autori: Antonio Attisani,Florinda Cambria,Riccardo Facco,Iwona E. Rusek,Kris Salata,Igor Stokfiszewski,Lisa Wolford Wylam,
A cura di:
Traduzioni di:
Illustrazioni di:

Collana: StudioDAMS
Genere: Saggistica
Data di pubblicazione: 20/01/2011
Disponibilità: Commercio
Numero di pagine: 112
ISBN: 978-88-7796-768-8

Acquista Libro - € 10
Abstract 

Gli autori dei testi qui raccolti raccontano l’incontro con il Workcenter of Jerzy Grotowski and Thomas Richards con una differenza di linguaggi e di sfondi che non pongono l'evento a distanza, nel fuoco di una osservazione critica più o meno erudita, più o meno avvertita, e giungono invece come una lucida e fiduciosa confidenza, testimoniano di una intimità di vissuti che solo nel raccontar di sé, quando è un raccontare disarmato, si esperimenta. A partire da prospettive fra loro assai differenti (analitica o visionaria, storiografica o filologica, politica o intimistica, filosofica o teatrologica…), tutti i contributi sembrano rinviare a “qualcosa di terzo”, qualcosa che va al di là delle appartenenze singolari e delle private biografie, e che insiste come un cuneo appuntito e tenace nelle pieghe dell’incontro con il Workcenter, il cui lavoro ha uno dei suoi tratti peculiari proprio nella coralità, nella sovraindividualità dei vissuti e dei linguaggi, nella coerente esposizione al travaglio della molteplicità (di sensi, provenienze e destinazioni). Dire del Workcenter oggi non è solo dire di una possibile forma del fare teatrale; è dire di una possibilità di azione, compiutamente e semplicemente umana, che si offre al nostro tempo sfiancato, anelante a una trasformazione, non solo delle pratiche teatrali e artistiche in generale, ma delle prassi collettive: quelle prassi che ci costituiscono come appartenenti a un’epoca carica di eredità e assai povera di eredi.

Dello stesso genere 
torna indietro