Ordine sociale e Teoria dei giochi


Autori: Riccardo Motta,
A cura di:
Traduzioni di:
Illustrazioni di:

Collana: Interventi
Genere: Saggistica
Data di pubblicazione: 15/07/2010
Disponibilità: Commercio
Numero di pagine: 136
ISBN: 978-88-7796-671-1

Acquista Libro - € 13
Abstract 

All'interno della teoria dei giochi la primogenitura del gioco della caccia al cervo è riconosciuta a Rousseau, ma è un riconoscimento che si limita ad estrapolare, in maniera stereotipata e ripetitiva, il racconto dal suo contesto teorico, considerandolo alla stregua di una parabola piuttosto che per quello che è, una situazione di gioco. In questo volume l'evoluzione - che porta alla costituzione della società - proposta da Rousseau è interpretata nei termini della teoria dei giochi. Si considera una sequenza di giochi (dilemma del prigioniero, gioco dell'assicurazione, gioco del coniglio, tragedia delle terre comuni) in cui si inizia ipotizzando l'assenza di rapporti fra gli individui fino ad arrivare, per approssimazioni successive, a situazioni di gioco di crescente complessità. Il sistema di relazioni diventa alla fine una trappola da cui gli uomini non possono più uscire se non stabilendo nuovi rapporti interamente frutto dell'invenzione umana. Inoltre, in questo volume, la teoria politica di Rousseau è valutata in relazione ai problemi logici ed epistemologici che pone la spiegazione dell'ordine sociale all'interno dell'individualismo metodologico.

Dello stesso genere 
torna indietro